Post image for El temeliaz dela Iaza / Jacin temeljac

El temeliaz dela Iaza / Jacin temeljac

by SioraMafalda on November 1, 2011

in Siora Mafalda

…ogni benedeta sera me toca scoltar come la nostra Jaca/Iaza (saria la Berluscona dela Croazia) la meti el “temeliaz” de qua e de la’…

temeliaz

Dopo, vado a guardarme una de quele trasmisioni de cusina e culinaria, e ogni secondo cogo el ghe meti in certe pietanze el “temeliaz”.

Cari Manjadori,
sicuro gavare’ pensado de esserve liberadi da ‘sta vecia stroliga?

E inveze no, ecome qua viva e vegeta, cio’ – corni – a chi che pensa mal! Un poco incriccada con la lombagine, pero’ la boba in piato la meto ogni sacrosanto giorno.

No ve stago a parlar cossa che go fato tutta l’estate, perche’ xe za quasi inverno e go altre robe che me gira in pignata oggi.

Alora, siccome el mio vecio guai se el manca un telegiornale (croato e italian, tutti i li guarda, orca malora!), ogni benedeta sera me toca scoltar come la nostra Jaca/Iaza (saria la Berluscona dela Croazia) la meti el “temeliaz” de qua e de la’ … Dopo, vado a guardarme una de quele trasmisioni de cusina e culinaria, e ogni secondo cogo el ghe meti in certe pietanze el “temeliaz”.

Dadibrodo

E qua me go confuso un poco, cossa po’ saria ‘sto “temeliaz” che va’ ben a primi ministri e coghi? Ghe domando al mio vecio che parla el croato meio de mi, e lui:

“Ma ti son proprio analfabeta, el “temeliaz” xe una piera che se sepelisi prima de meter i fondamenti de una casa o ospedal, e questo ghe toca far ai primi ministri o altri dignitari de governo.”

Aaaaa, eco perche’ la xe sempre con la pala in man ‘sta povera dona, tuti la guarda, nissun no la aiuta e ela perfin la ridi!
Ma… speta un poco, ma alora i coghi i ghe meti le piere intele pietanze?
“Ma noooo, cossa ti ga capido, el “temeliaz” in cusina xe tutta un’altra roba, saria el brodo de manzo, o de galina, o de pese, che ghe se aggiungi a sughi, salse, e ‘ste robe qua per darghe piu gusto, ostrega!”

E cussi de vecia go imparado una roba nova, e za che ghe iero, go deciso de cusinar un bel brodo – come se devi, pero’, no con quei dadi de botega. Altro che “temeliaz”, te faso mi veder cosa xe vero brodo, caro mio vecio!

Alora, carta e pena ala man che riva la riceta…

Prima de tuto, ricordeve ben una roba – el bon brodo no se fa con la carne, ma con le verdure.

Mi per oggi ghe go meso dentro un bel toco de stinco de videl che gavevo in iazera del frigo, e lo go meso in una pignata con circa 3 litri de acqua, salada con un bel cuciaron de sal. Dentro ghe go aggiunto la verdura che me sta sempre pronta taiada a tochetini in iazera – carote, pomidori, seleno (radise e foia), presemolo (radise e foia), cavolo rapa (koraba in croato), porro e pastinaca (pastrnjak). Go butado dentro una zivola (no servi brusarla sul fogo perche’ se fa solo scagaz sul spacher), un per de spighi de aio, un fia de pevere in grani e un cicin de “Vegeta” (Goran, adeso no starme guardar de sbiego, quando ghe vol – ghe vol!)

Coverzer la pignata e dopo el primo boio cusinar a fogo lento bone due ore. Attenzion al primo boio perche’ se ve va’ fora ve perde’ una gran parte de gusto.

La cusinada

Quando xe cusinado, pasar el brodo, e la carne lessa prepararla con l’insalata o in altri modi. Se ve resta un poco de brodo, metelo in recipienti de plastica e in iazera, ve sara’ un’ottima aggiunta a tante bone robe che cusinare’ in futuro.

La passada

La lessada

Per restar in tema de iazere, questo brodo lo go ciamado – El Temeliaz dela Iaza – .

Quando ghe go presentado soto el naso el stinco de videl lesso con intorno le verdurine del brodo, el mio vecio iera contento come una pasqua. Me pareva de vederlo giovinotto, quando lo go visto la prima volta vegnir fora del porton de Scoio Olivi, in bicicleta e con i stechi sule braghe del terlis… ah, bei tempi de gioventu’.

Bona Manjada a tutti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Leave a Comment

Previous post:

Next post: